Direzione regionale Umbria

Fisco e Scuola

Fisco e scuola - logo del progetto

Il Progetto: finalità e articolazione

Il progetto Fisco e Scuola è nato nel 2004 dall’Intesa fra l’Agenzia delle Entrate e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (M.I.U.R.).

Con la stipula del primo protocollo d'intesa (protocollo d'intesa-versione stampabile - pdf ) tra il MIUR e l'Agenzia delle Entrate, sono state tracciate le linee guida che regolano le attività delle due istituzioni, lasciando, poi, all'iniziativa dei soggetti che operano sul territorio (istituti scolastici, Direzioni scolastiche regionali e Direzioni regionali dell'Agenzia delle Entrate) la funzione di adottare le varie forme comunicative ritenute più opportune (visite guidate agli uffici, incontri con i funzionari, progettazione di percorsi di formazione, incontri e seminari, progetti interdisciplinari, ecc.).

Nel 2013 è stata rinnovata l'Intesa tra Agenzia delle Entrate e Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - pdf confermando l'impegno congiunto delle due istituzioni.

L’obiettivo era ed è tuttora favorire il dialogo con le nuove generazioni su un tema così centrale come quello della legalità fiscale, basilare per la convivenza civile di uno stato moderno. Gli studenti vengono coinvolti in un percorso di educazione alla legalità, realizzato in collaborazione con l'Ufficio Scolastico regionale per l'Umbria , orientato a spiegare le logiche di convivenza civile, i doveri e i diritti che soggiacciono al sistema di contribuzione italiano.

A questo scopo sono organizzate visite guidate presso gli uffici operativi dell'Agenzia e incontri nelle scuole con gli studenti di istituti secondari di primo e secondo grado, durante i quali vengono proiettati filmati e organizzati giochi didattici per far conoscere ai ragazzi il funzionamento dell’Amministrazione finanziaria e confrontarsi con loro, in modo leggero e coinvolgente.


Le scuole che hanno aderito al progetto nel corso degli anni:

Per saperne di più

Il progetto Fisco e Scuola è coordinato in Umbria dall'Area di Staff della Direzione Regionale. Le Direzioni Provinciali di Perugia e Terni curano le iniziative con le scuole aventi sede nei propri ambiti territoriali.

Per ulteriori informazioni è possibile inviare una e-mail alla casella dr.umbria.staff@agenziaentrate.it o chiamare lo 075 9110 965 e consultare l'Area dedicata al Progetto Fisco e Scuola del sito internet nazionale dell'Agenzia.



Agenzia delle Entrate - Ufficio Scolastico regionale - I Nonni del Fisco - Logo Progetto

Speciale "I Nonni del Fisco: le tasse spiegate ai ragazzi delle scuole medie"

“I Nonni del Fisco” è un’iniziativa della Direzione regionale dell’Umbria dell’Agenzia delle Entrate, partita nel 2008 con la finalità di coinvolgere anche gli studenti delle scuole medie (oggi secondarie di primo grado) nel progetto di respiro nazionale “Fisco e Scuola”. Fino ad allora, infatti, in Umbria le iniziative realizzate nell’ambito di tale progetto avevano interessato fondamentalmente gli studenti delle scuole superiori.

L’innovazione del progetto “I Nonni del Fisco” sta nell’aver voluto portare la testimonianza di persone che hanno dedicato gran parte della propria vita al lavoro nell’Amministrazione Finanziaria, ossia dirigenti e funzionari in pensione, i “Nonni”, che raccontano il Fisco ai ragazzi attraverso concetti semplici ed intuitivi. Gli incontri coinvolgono solitamente una o due classi alla volta e hanno la durata di circa un’ora e mezzo.

Il tutto con il supporto di materiale didattico realizzato dalla Direzione Regionale dell’Umbria , con la collaborazione di alcuni grafici che hanno prestato gratuitamente le propria opera. I materiali solitamente riscontrano la curiosità e il favore degli studenti, in particolare il crucintarsio realizzato per aiutare i ragazzi a mettersi simpaticamente alla prova con la terminologia tecnica e i concetti affrontati durante ogni incontro.

Nel corso degli anni i protagonisti dell’esperienza hanno potuto osservare come lo scambio creato con i ragazzi vada oltre la semplice opera di “educazione civica”. La sua vera essenza è la capacità di far interagire persone di età ed esperienze così lontane. Uno scambio generazionale reso ancora più prezioso dal fatto che i “nonni” in questione sono dipendenti a riposo, che evidentemente si sentono ancora parte attiva non solo della comunità di cui sono membri, ma anche dell’Organizzazione dei cui valori scelgono di farsi portavoce, e senza alcun ritorno che non sia il piacere di contribuire ad una causa per la quale valga la pena spendersi.


Fisco e scuola in Umbria: la sua storia attraverso i comunicati stampa